3 Maggio 2016, ore 21, Radio Maria, trasmissione radiofonica: “Contro i falsi miti del Progresso: Gender e ricerca della Fede”

Da quando mi sono impegnato con il Popolo della Famiglia, ho avuto la possibilità di conoscere persone capaci di stare in prima linea nella difesa dei nostri valori.

Uno di questo è Giuseppe Brienza il quale, Martedì 3 maggio 2016, terrà una trasmissione intitolata “Gender e ricerca della Fede” a cui parteciperanno Luca Di Tolve e Stefania Perna.

Si tratta di temi complessi e vale la pena ascoltare

  • persone che li abbiano approfonditi con faticosa attenzione e studio,
  • e persone che li abbiano patiti sulla loro pelle e nel loro cuore.

Personalmente ritengo che, di questi tempi in cui tutti ci spingono a cliccare “mi piace” sulla base di un titolo o una foto, l’atto più rivoluzionario sia quello di “cercare di capire”.

Locandina Radio Maria 3 maggio 2016

 

Giuseppe Brienza è un giornalista pubblicista.

E’ dottore di ricerca in “Ordine internazionale e diritti umani” all’Università di Roma “La Sapienza”, collabora con diverse riviste e quotidiani.

Ha pubblicato oltre sessanta saggi su tematiche storico-contemporanee ed i libri “Famiglia e politiche familiari in Italia” (Carocci editore, Roma 2001), “Famiglia, sussidiarietà e riforma dei servizi sociali” (Città Nuova Editrice, Roma 2002), “Libertà ed identità religiosa nell’Unione europea” (Solfanelli, Chieti 2006), “Unità senza identità. Come il Risorgimento ha schiacciato le differenze fra gli Stati italiani” (Edizioni Solfanelli, Chieti 2009; II edizione, Chieti 2010), “Il Magistero di Pio XII e l’ordine sociale” (Fede & Cultura, Verona 2012), “L’economista di Dio: Giuseppe Toniolo ad un anno dalla beatificazione” (La Società, Verona 2013), “La difesa sociale della famiglia. Diritto naturale e dottrina cristiana nella pastorale di Pietro Fiordelli” (Leonardo Da Vinci, Roma 2014) e “Don Milani e Papa Francesco, l’attrazione della testimonianza” (con Prefazione dell’Arcivescovo-Vescovo di Trieste mons. Giampaolo Crepaldi, Edizioni Cantagalli, Siena 2014).

La vostra opinione mi interessa ed i vostri commenti mi danno al forza di scrivere: Lasciate un segno del vostro passaggio!