Dieci obiezioni confutate sul Popolo della Famiglia

imgres

Allo scopo di raccogliere le informazioni e gli articoli sul Popolo della Famiglia, riporto questa intervista trovata sulla Croce Quotidiano.

Si tratta della risposta dell’Avv. Gianfranco Amato alle obiezioni circa l’opportunità di creare il Popolo della Famiglia.

Buona lettura!


di Gianfranco Amato

La nascita del Popolo della Famiglia ha sollevato una ridda di obiezioni, alle quali vorrei rispondere, usando lo schema della forma dialogica adottato nel vecchio Catechismo di San Pio X.

Obiezione n.1: Avete costituito un partito tematico.

Innanzitutto occorre precisare che non si tratta di un “partito”, secondo l’accezione novecentesca del termine. In realtà abbiamo dato vita ad un movimento politico che parte dal popolo, e proprio per questo intende immediatamente misurarsi nelle prossime elezioni amministrative comunali, ovvero nella realtà istituzionale più vicina al cittadino.

In secondo luogo devo precisare che non si tratta di un movimento “tematico”. La famiglia, infatti, non è “un” tema, ma “il” tema. Amo ricordare che il grande San Giovanni Paolo II, il 31 gennaio 1998, parlando ai membri della Giunta e del Consiglio della Regione Lazio, spiegò esattamente questo concetto, precisando che la famiglia rappresenta il “prisma” attraverso cui considerare tutti i problemi sociali, e attraverso cui passano tutte le questioni politiche. In questo senso la famiglia è il cuore di tutta politica.

Obiezione n.2: Avete ripercorso l’avventura fallimentare di Giuliano Ferrara e di Magdi Allam.

Il Popolo della Famiglia non è un partito personalistico che tenta di collocarsi immediatamente a livello nazionale attraverso le elezioni politiche del parlamento. Il nostro, lo ripeto per la seconda volta, è un movimento che intende partire dal basso, aggregando a livello locale uomini e donne che possano generosamente spendersi nella prossima campagna delle amministrative di giugno. Ripercorriamo, in qualche modo, l’esperienza del movimento 5 Stelle di Beppe Grillo. Con una differenza però. Che il suo è un popolo virtuale, il nostro è assolutamente reale. E’ costituito dalle migliaia e migliaia di persone che in questi due anni abbiamo incontrato percorrendo in lungo e largo l’Italia. E’ fatto di volti concreti, di persone incontrate con le quali abbiamo parlato, abbiamo pranzato insieme. Io, personalmente, ho persino dormito a casa loro.

Obiezione n.3: Avete diviso il Comitato Nazionale Difendiamo i Nostri Figli.

Il Comitato Nazionale Difendiamo i Nostri figli ha una funzione che deve essere distinta dal movimento politico Il Popolo della Famiglia. Sono due entità autonome ma complementari. Anzi, direi di più. Sarebbe un grave errore se il Comitato si trasformasse in soggetto politico. Il Comitato deve continuare nella sua essenziale funzione che lo ha caratterizzato finora, con l’indiscussa e autorevole leadership di Massimo Gandolfini, nei cui confronti rinnoviamo la nostra totale stima. Tutto questo al netto delle inevitabili e fisiologiche invidie di basso cabotaggio da parte di chi vuole a tutti i costi seminare zizzania. Ma in questo, come in tutto, il tempo è padre della verità.

Obiezione n.4: Avete strumentalmente utilizzato il Family Day per collocarvi in politica

Di tutte le obiezioni questa è la più risibile. Se l’Italia non avesse assistito all’infame tradimento del 25 febbraio, ovvero se Alfano & Co. avessero bloccato il maxiemendamento sulle unioni civili e avessero mandato a casa Renzi (ricordo che avevano la possibilità concreta di fare entrambe le cose), il Comitato avrebbe vinto, dimostrando l’importanza della sua funzione, noi saremmo stati gli uomini più felici di questo mondo e il Popolo della Famiglia non sarebbe mai nato. Quel tradimento, invece, ha posto in maniera drammatica e urgente il problema di un vuoto assoluto di rappresentanza politica del popolo del Circo Massimo.

Vorrei tranquillizzare i detrattori spiegando loro che se avessimo voluto trovare una sicura e tranquilla collocazione in politica avremmo potuto semplicemente accettare le generose offerte che sono giunte a me e a Mario Adinolfi, da sponde opposte, circa una “poltroncina” sicura. Certo, se Adinolfi fosse finito nel PD a rappresentare la corrente dei Cattodem, e io fossi finito nella Lega, o in qualsiasi altro partito del centrodestra, a rappresentare il popolo del Family Day, questo sì sarebbe stato un epilogo squallido e patetico. Invece no. Abbiamo deciso di giocarci l’osso del collo, il tutto per tutto, la nostra faccia e non solo, gettando il cuore oltre l’ostacolo, e mettendoci in un’avventura che non ha precedenti e che può rappresentare la nostra fine personale o una svolta nella storia del nostro Paese.

Obiezione n.5: Avete tentato quest’avventura per poi riciclarvi in qualcuno dei vari partiti esistenti.

Forse non è ben chiara la sfida che abbiamo lanciato. Se entro 68 giorni noi non saremo in grado di presentare liste in almeno tutte le grandi città d’Italia dove si vota alle amministrative, allora avremo fallito. E in questo caso spariremo nel nulla, facendoci dimenticare dal mondo. Nessuno sentirà più parlare di noi. Ma se riusciremo in questa impresa titanica, dimostrando di avere un popolo dietro di noi, allora cambieremo la storia di questo Paese. Poiché non siamo dei pazzi temerari, ma persone ragionevoli che sanno quello che fanno, noi vinceremo quella sfida.

Obiezione n.6: Non avete un programma.

Anche questo non è vero. Abbiamo un programma nutrito ed esaustivo di ben 319 pagine! Si chiama Compendio della Dottrina Sociale della Chiesa. Lì c’è tutto. Leggere per credere. Comprendiamo che ormai è considerato dai politici sedicenti “cattolici” uno strumento arrugginito, ma noi vogliamo invece tirarlo fuori dal cassetto e porlo all’attenzione della politica italiana.

Obiezione n.7: Su temi particolari, come l’immigrazione, vi dividerete.

Il nostro programma, anche su questo, è molto chiaro. Ad esempio, al punto n.298 del IV Capitolo, lett.f), prevede che «La regolamentazione dei flussi migratori secondo criteri di equità e di equilibrio è una delle condizioni indispensabili per ottenere che gli inserimenti avvengano con le garanzie richieste dalla dignità della persona umana». Il Compendio, ripeto, parla di tutto: famiglia, lavoro, economia, sicurezza, ambiente, immigrazione, ecc. ecc. Ed è molto più concreto e meno fumoso di tanti programmi elettorali che sono in circolazione.

Obiezione n.8: Avete creato un movimento confessionale.

Anche questo non è vero. Sono molti gli atei, agnostici, evangelici, musulmani di mia personale conoscenza che hanno già dichiarato di aderire al progetto. Tra l’altro mi ha colpito la metafora usata da un medico agnostico incontrato in una delle mie conferenze in giro per l’Italia. Mi ha riferito, infatti, della sua preoccupazione per questo tentativo ideologico del Potere di alterare la famiglia intesa come “cellula fondamentale” della società, e di creare una sorta di OGM dai potenziali effetti cancerogeni. Trasformare una cellula sana in cellula tumorale – mi ha spiegato – rischia di mandare in metastasi l’intero tessuto sociale. Questo detto da uno che non crede in Dio. In verità, a simili conclusioni ci si può arrivare benissimo attraverso un suo corretto della ragione umana, anche senza l’illuminazione della fede.

Obiezione n.9: Avete utilizzato il nome di Dio e della Vergine Maria in maniera strumentale per accattivarvi i fedeli.

Se avessimo fatto questo saremmo davvero degli idioti masochisti. Infatti, solo per aver osato invocare nel nostro appello «l’aiuto di Dio e lo sguardo benevolo della Vergine», siamo stati letteralmente massacrati su giornali e riviste di regime, come l’Espresso, e si è subito parlato di «medioevo», «di crociate», di «bigotto oscurantismo», e via offendendo.

Su Gay.it, per esempio, società a responsabilità limitata definita da Wikipedia come «una delle più rilevanti realtà imprenditoriali del mercato gay italiano», il mio amico Mario Adinolfi è stato poco elegantemente definito una «balena spiaggiata». Evidentemente per i doppiopesisti del mondo LGBT «offendere un “omofobo” non è reato». Beh, il popolo si è davvero rotto le scatole di subire inerme questa violenza verbale, questo garantismo a senso unico, questa deriva laicista totalitaria del politically correct. Il punto è che nella politica italiana il nome di Dio è diventato impronunciabile. E non se ne sentono molti di parlamentari cristiani che ne parlano. Perché parlarne significa esporsi al supplizio della pubblica gogna.

Comunque sia, noi andiamo avanti senza paura, consolandoci nella parole del nostro Maestro: «Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e diranno, mentendo, ogni sorta di male contro di voi per causa mia» (Mt 5,10-11), ricordandoci che se il mondo ci odia, prima di odiare noi ha odiato Lui.

Obiezione n.10: Avete accelerato i tempi anziché attendere modalità condivise e diverse, come ad esempio quella proposta da qualcuno di rifondare i Congressi dell’Opera, o la possibilità di una battaglia comune contro il referendum costituzione del prossimo ottobre.

Ci pare che quella dei Congressi sia un’idea buona per il 1874, non certo attuale. Oggi la realtà impone tempi di decisione e metodi diversi rispetto a quelli del XIX secolo. E l’opportunità offerta dalle imminenti elezioni amministrative rappresenta un’occasione imperdibile da questo punto di vista. Neppure l’idea della battaglia referendaria di ottobre sembra convincente. Procrastinare tutto nel tempo avrebbe inevitabilmente fatto correre al popolo il rischio di cadere nella depressione rassegnata. In uno dei miei ultimi incontri, precisamente quello tenuto a Pescara al Teatro Circus, cui hanno partecipato più di 800 persone, un tizio mi ha confessato di aver bruciato il certificato elettorale dopo il tradimento alfaniano del 25 febbraio, giurandomi che non avrebbe mai più votato in vita sua. Gli ho detto di tenerci in contatto, e gli ho dato i miei recapiti personali. Il giorno dopo la notizia della costituzione del Popolo della Famiglia, alle sette e mezza del mattino, mi ha telefonato, e senza neppure presentarsi e salutare, mi ha detto: «Dio vi benedica! Ora finalmente so a chi dare il mio voto». Difficile pensare che si sarebbe convinto di tornare a votare grazie alla campagna referendaria costituzionale del prossimo ottobre.

L’esigenza di rispondere a queste obiezioni non nasce dall’intento di inseguire i detrattori nei loro lividi e rancorosi attacchi. Il nostro prezioso tempo preferiamo impiegarlo in maniera più intelligente e proficua. L’esigenza scaturisce, semmai dal desiderio di rasserenare alcuni amici che ci hanno chiesto lumi. A questi amici vogliamo dire che è arrivato il momento di gettare alle ortiche dubbi, incertezze e titubanze. Vogliamo dire che non è più moralmente possibile assistere in maniera passiva al degrado antropologico in cui sta precipitando il nostro Paese. Vogliamo dire che oggi esiste un’alternativa concreta per passare finalmente da spettatori inermi ad attori protagonisti di un vero cambiamento. Vogliamo quindi invitare questi amici ad esserci compagni di viaggio in un’avventura che può apparire titanica e temeraria – e forse lo è – ma che è anche l’unica, ultima possibilità di arrestare questa corsa impazzita verso il baratro del nulla in cui è stata trascinata la nostra Patria da politicanti irresponsabili e incoscienti. Aiutateci a fermare questa corsa. Per il bene non soltanto dei nostri e dei vostri figli, ma di tutte le future generazioni.

08/03/2016

La vostra opinione mi interessa ed i vostri commenti mi danno al forza di scrivere: Lasciate un segno del vostro passaggio!