Se scoprissi che mio figlio è omosessuale.

From Miami With love

Se scoprissi che mio figlio è omosessuale, mi chiedo che cosa gli direi.

Beh… gli direi che l’amore è una bestia difficile da domare ed a tutti quanti, prima di trovare l’anima gemella, capita di trovarsi con un cuore malamente ammaccato.

Quindi non è il caso di buttarsi giù quando le storie finiscono male, è il caso di leccarsi le ferite per poi ricominciare a vivere.

Gli direi di essere come è ed, allo stesso tempo, di rispettare il prossimo.

Quindi gli parlerei dell’importanza della genuinità e dell’importanza della delicatezza.

Gli direi che se le persone avranno paura di lui, proveranno paura del suo essere uomo e non del suo essere omosessuale.

E la paura si combatte con il suo opposto ovvero con quello spirito eroico che, a volte, si chiama Carità ed altre volte si chiama Misericordia.

Magari, gli farei notare che se Gesù Cristo ci ha detto sia di amare il nostro prossimo che di amare il nostro nemico,  e probabilmente riteneva probabile che, molte volte, si sarebbe trattato della stessa persona.

D’altro canto, se ci ha detto di farlo, lo ha fatto perché riteneva che, facendo così, noi tutti saremmo stati sicuramente più felici.

Gli direi che gli uomini e le donne sono due espressioni diverse dell’immagine di Dio.

E gli suggerirei di fare l’impossibile per scoprirle entrambe.

Cercherei di fargli capire che il contatto con le persone è ottenibile solamente passando per il cuore e, solo dopo, con una sola persona veramente speciale, potrebbe valere la pena di utilizzare anche i genitali.

So benissimo che, da subito, egli non mi darà retta in quanto tutti i semi ci mettono un po’ prima di germogliare.

Infine, probabilmente, gli farei notare che, se in casa nostra lui è amato senza condizioni, allora è possibile essere amati senza condizioni.

Quindi lo manderei a cercare quell’amore.

D’altronde il padre è colui che ti indica il mondo e ti dice di andarlo ad esplorare.

Sapete che vi dico?

Mi rendo conto che le cose importanti che ritengo di dover dire ad un figlio omosessuale, finirebbero per essere le stesse che direi ad un figlio che non lo fosse.

La vostra opinione mi interessa ed i vostri commenti mi danno al forza di scrivere: Lasciate un segno del vostro passaggio!