Perché non è possibile che un Partito Cattolico affidabile venga gestito da persone non cattoliche o da cattolici non fortemente impegnati nel loro percorso etico e spirituale.

h2o + sole = FIORI!

 

Quindi dobbiamo contribuire alla creazione di un soggetto nuovo.

Veniamo ora alla seconda domanda: possiamo affidarci ad un soggetto politico non espressamente creato da noi cattolici e, soprattutto, non gestito da noi cattolici?

Aprioristicamente sì, se si impegna espressamente a non violare i principi non negoziabili, a mettere in atto un’etica accettabile e ci dia opportune garanzie di tutelare la sovranità dei militanti.

Notiamo da subito che i principi non negoziabili sono molto più stringenti di quanto non sembri.

La protezione della vita implica precise scelte di politica economica (che garantiscano il sostentamento di tutti i cittadini , sicurezza dei trasporti e sicurezza sul lavoro) che negano praticamente tutte le scelte “europee” fatte dagli anni 90 ad adesso.

La tutela della famiglia implica scelte urbanistiche (limitazione del tragitto casa-lavoro), politiche del lavoro (limitazione delle trasferte facili e possibilità di sostentamento di famiglie mono reddito) oltre, naturalmente, tutte quelle politiche preminentemente sociali che mettono in discussione il business della sanità privata e delle assicurazioni.

Il diritto dell’educazione dei figli mette in discussione tutto l’edificio della formazione culturale attuale nonché il concetto che i cittadini non siano altro che “pezzi di ricambio” per l’apprato produttivo.

Intanto mi viene da notare che il rispetto dei principi non negoziabili implica necessariamente l’adozione di un pensiero sociale e pacifista.

Di più.

Mi viene da dire che il rispetto dei principi non negoziabili implica necessariamente l’adozione di un pensiero sociale, pacifista e pacificamente rivoluzionario (nel senso che implica una decisa conversione rispetto alla politica attuale).

Soprattutto, questo pensiero implica un’inversione delle priorità: il sociale deve passare davanti all’economico.

Non più

Chi ci può dare garanzie di coerenza in questo senso.

In senso assoluto… nessuno… ok… d’altro canto solo uomini di fede possono garantire quantomeno un impegno costante in questa direzione.

Quindi ci serve un uomo di fede che condivide la visione cattolica circa la sacralità della vita umana, l’importanza delle relazioni tra fratelli, ed un’educazione all’Amore che si sviluppa nella famiglia.

Ed anzi, dato che non possiamo che rifiutare i partiti messianici, ce ne serve più di uno un modo da poter far passare il potere di mano in mano prima che il leader si dimentica di essere solamente un servo dei suoi amici più umili.

L’unico bacino che contenga uomini di fede di questo tipo presente in Italia è la comunità dei cattolici.

Non dico che tutti i cattolici abbiano queste caratteristiche.

Dico però che la comunità cattolica è l’unica comunità (da noi facilmente riconoscibile) nel quale queste rare persone potranno essere selezionate.

Infatti, solo pochi tra noi avranno l’integrità, il carisma, le conoscenze, e le capacità necessarie a navigare le acque pericolose ed agitate della politica in questi tempi difficili.

E quei pochi saranno in grado di mantenere l’impegno per un tempo limitato.

Però quello è il lago dove andare a pescare.

E quello è l’insieme di valori di cui dobbiamo chiedere la dimostrazione attraverso una condotta di vita irreprensibile.

 

La vostra opinione mi interessa ed i vostri commenti mi danno al forza di scrivere: Lasciate un segno del vostro passaggio!