Strana notte questa notte. Qualcosa sta accadendo e noi tutti dobbiamo contare sulle nostre forze.

Senza titolo

Strana notte, questa notte.

Una notte calda di estate, spezzata da violenti scrosci di temporale.

Sulla scena politica, grandi forze si stanno disponendo sulla scacchiera.

Un partito incentrato su Berlusconi sta guardando in faccia la sua paura più profonda: l’unico capo che gli dà senso di esistere sta per essere costretto a fronteggiare le sue responsabilità di nano morale.

Dall’altro lato, il Bildenberg sta dettando le sue condizioni.

Le sirene del rating sono suonate come fanfare di guerra soffiate dietro ad una collina nebbiosa e i maggiordomi del piddì hanno indossato un’aria corrucciata.

Probabilmente, il programma dei banchieri prevedeva la conferma dell’IMU e l’aumento dell’Iva allo scopo di far scorrere nelle loro tasche gli ultimi risparmi degli italiani.

E tutti si sarebbero dovuti piegare,

Però, la storia è fatta di uomini mentre, in fondo, è mia impressione che il PdL sia fatto di uomini, uomini disonesti, uomini pieni di difetti, ma comunque uomini, uomini più di quelli del piddì che, in questa notte piovosa, appagano solamente viscidi caporali.

Ecco quindi che, da un lato, abbiamo grottesca tragedia, e, dall’altro, abbiamo il freddo conto di uomini che si sono venduti l’anima.

Peccato che, forse colui che ha comprato la loro anima non avrà i soldi per pagarla e gli alleati grotteschi (con cui si erano messi assieme) stanno esplodendo come una banda di Ostrogoti riunitisi molti anni attorno un capo ora ferito e morente.

In questo oscuro cammino, per fortuna, si muovono anche figure che dispensano un po’ di luce.

Parlo, naturalmente, di papa Francesco: l’unico leader che sembra avere il coraggio di dire cose (scusate il gioco di parole) sacrosante.

Pensate che è andato a Lampedusa. Si è messo di fronte ai migranti. Ed ha detto che sono degli uomini.

Lo stupore che ho provato si è tramutato in tristezza nel momento in cui mi sono reso conto che mi stavo stupendo.

In fondo, però, è proprio nella notte buia che gli uomini più solidi ci ricordano che il cielo è sempre blu ed il prato è sempre verde.

Papa Francesco, secondo me, sarà una roccia grazie a cui tutti ci possiamo orientare.

Ed, in questo stesso momento, un altro barcaiolo sta conducendo nel mare in tempesta una barca tutta scassata.

Questa sera ho notato che i capelli di Beppe Grillo sono molto più bianchi di quelli che mi ricordavo. Al tempo stesso, i suoi occhi sono quelli di un uomo che ha preso una decisione.

Non so quale sia questa decisione: è possibile che decida di ritirare i parlamentari dal Parlamento come è possibile che decida di fare tante altre cose.

Prego che tenga duro e continui instancabile a seguire tutte le opzioni democratiche e pacifiche che ci permettano di tenere attaccata la spina di questa nostra fragile e malata Democrazia.

Ritengo fondamentale che noi tutti ci ricordiamo di essere italiani.

Dobbiamo assolutamente ricordarci chi siamo!

Siamo un popolo pieno di risorse che vengono sempre fuori quando ce n’è bisogno.

Questa sera ho l’impressione che siamo molto vicini a toccare il fondo.

Ed, a questo punto, non potremmo che rimbalzare.

 

http://www.youtube.com/watch?v=uFg-AmIFyNg

Articolo visualizzato: 619 volte.

 

La vostra opinione mi interessa ed i vostri commenti mi danno al forza di scrivere: Lasciate un segno del vostro passaggio!