Smettiamo di flagellarci! Ecco perché la Gambaro andava cacciata.

di Guido Mastrobuono

george_orwell_animal_farm

Io trovo che Orwell sia estremamente utile per comprendere la situazione attuale, però il romanzo 1984 è più utile della “Fattoria degli animali” in quanto, in questi giorni, siamo tutti soggetti ad un feroce utilizzo del bi-pensiero.

Il bi pensiero è quello che fa dire che

La guerra è pace.
La libertà è schiavitù.
L’ignoranza è forza.

e questo ci riporta al

Sapere e non sapere; credere fermamente di dire verità sacrosante mentre si pronunciavano le menzogne più artefatte; ritenere contemporaneamente valide due opinioni che si annullano a vicenda; sapendole contraddittorie fra di loro e tuttavia credendo in entrambe, fare uso della logica contro la logica; rinnegare la morale propria nell’atto di rivendicarla; credere che la democrazia sia impossibile e nello stesso tempo vedere nel Partito l’unico suo garante; dimenticare tutto ciò che era necessario dimenticare ma, all’occorrenza, essere pronti a richiamarlo alla memoria, per poi eventualmente dimenticarlo di nuovo. Sopratutto, saper applicare il medesimo procedimento al procedimento stesso. Era questa, la sottigliezza estrema: essere pienamente consapevoli nell’indurre l’inconsapevolezza e diventare poi inconsapevoli della pratica ipnotica che avevate appena posto in atto. Anche la sola comprensione della parola “bipensiero” ne implicava l’utilizzazione.

Vengo al punto: il bi-pensiero è uno scempio logico e quindi i concetti (se ben espressi e non manipolatori) devono avere uno ed un solo significato.

Quindi andiamo alla questione: la Gambaro, da donna libera, poteva esprimersi come si è espressa?

Purtroppo, in maniera così generale non possiamo affrontare la questione.

Riformuliamo.

La Gambaro, da donna libera, poteva esprimersi come si è espressa e rimanere portavoce del Movimento 5 Stelle?

La risposta è no.

Semplicemente no.

In quanto la Gambaro è una donna libera che non porta la voce del Movimento 5 Stelle.

Se la voce del Movimento 5 Stelle è la voce della rete (o meglio di quei 50.000 che hanno un profilo certifico (ed io non sono tra loro)) la Gambaro non ha più la loro fiducia.

E non è un dato secondario in quanto la Gambaro è stata candidata proprio in ragione della fiducia di una quota parte (peraltro minimale) di quei 50.000.

Se uno dice che Beppe Grillo sia il problema del M5S o se dici che il Blog di Beppe Grillo è il problema del M5S non sta portando la voce del M5S.

Quello che voglio dire è che, se le parole hanno un senso, la Gambaro non è stata sfiduciata per le sue opinioni è stata sfiduciata per i suoi comportamenti effettuati mentre era portavoce del movimento.

Non è una considerazione di poco conto.

Se si fa parte del Movimento 5 Stelle si può pensare e dire ciò che si vuole.

Se si decide di farsi scegliere come portavoce, e si viene scelti, poi non si può più ignorare l’obbligo di portare la voce di coloro che ti hanno delegato.

Se non lo si fa, se ne perde la fiducia.

E detta sfiducia non è una condanna politica: è invece il ritiro di una delega a parlare in loro nome.

Il parlamentare non è necessariamente il portavoce dei suoi elettori.

Il parlamentare del M5S, per sua scelta politica, è invece il portavoce della base di un Movimento che si è raccolto attorno alle idee di Beppe Grillo.

Ecco il motivo per cui mi sento di dire che una che, qualunque cosa pensi, va davanti ad un giornalista dicendo che Grillo è il problema del movimento non rappresenta il pensiero della base del movimento che sa benissimo che, senza Grillo il movimento non esisterebbe.

Insomma, smettiamo di flagellarci!!!

Abbiamo tolto la delega ad un nostro dipendente che si è dimostrato (delle due l’una) o infedele o incapace.

Soprattutto smettiamo di dire che la Gambaro è stata allontanata per le sue opinioni.

Le sue opinioni, nella realtà, non c’entrano nulla. Centrano le sue azioni.

E lo sanno anche i giornalisti (che ci sono nemici).

Noi, invece, fatichiamo a ricordare quello che (credo) diceva Mao ovvero che de il nemico è d’accordo con te, allora stai facendo qualcosa si sbagliato.

Articolo visualizzato: 1029 volte.

 

La vostra opinione mi interessa ed i vostri commenti mi danno al forza di scrivere: Lasciate un segno del vostro passaggio!