L’assalto alla diligenza continua – I tagli agli sconti fiscali sono retroattivi: previsti già quest’anno i limiti a detrazioni e deduzioni

In realtà ho difficoltà a capire.

Probabilmente ciò deriva dal fatto che il maggiordomo Monti non ha nessun rispetto dei cittadini italiani, prova disinteresse di qualsivoglia pratica democratica, e quindi non ha alcuna competenza politica.

Questo può essere il motivo per cui il suo comportamento risulta incoerente a chi, come me, si ostina ad interpretarlo sulla base di categorie politiche.

Da un lato, infatti, sembra che il governo stia cercando di appropriarsi di quanta più ricchezza possibile e di demolire quanto più stato possibile.

Se guardiamo quanto hanno fatto in meno di un’anno c’è da rimanere impressionati:

  • la cessione di sovranità con l’Eurogendfor;
  • la distruzione dell’industria italiana;
  • la svendita delle grandi aziende pubbliche (leggete qui un articolo di Debora Billi);
  • il ratto del patrimonio artistico del paese (leggete qui e qui due altri articoli di Debora Billi);
  • il taglio delle pensioni;
  • la cancellazione dell’articolo 18;
  • il MES, chiamato fondo salva stati ma in realtà un fondo salva banche che toglie agli stati ogni possibilità di fare qualsivoglia richiesta prima di regalare centinaia di miliardi di euro  banche che “battono cassa” e, che inoltre toglie quei fondi dalle tasche degli stati immergendoli più profondamente nell’abisso del debito.

Una aggressività così arrogante fa pensare che il governo veda avvicinarsi la fine del suo mandato e stia cercando quindi di arraffare quanto può.

D’altro canto, l’attacco alla politica con il sacrificio di Fiorito (il quale, proprio in virtù della sua corruzione,  è per sua natura uno YES man al servizio di qualsivoglia governo e, di conseguenza, in questo momento è uomo del governo Monti) fa pensare ad un’estremizzazione della campagna in favore del Monti-Bis.

Pensate che se ne sono accorti anche in Iran (riporto più in basso un gustoso articolo su un sito di propaganda iraniana)!

La mia impressione è che il Monti bis sia stato da sempre in agenda. Mi verrebbe da dire che, probabilmente, esso era già in agenda dal momento in cui Veltroni ha deciso di far fuori tutta la sinistra dal parlamento.

In questo momento, però, stanno prendendo in considerazione l’ipotesi di non farcela o, forse, di trovarsi nelle prossime elezioni una pattuglia di guastatori (probabilmente eletti tramite il movimento 5 stelle) che renderanno impossibili le maggioranze bulgare (Tipo quella con cui si è approvato l’Eurogendfor: Presenti 443, votanti 442 (tutti sì), astenuti 1.).

Quindi è possibile che sia stato deciso di affrontare le prossime elezioni cercando di

  • tener più persone possibile lontane dalle urne;
  • minacciare i partiti, focalizzando su di essi l’odio dei cittadini, in modo che capiscano che la loro unica possibilità di sopravvivenza sia asservirsi ai padroni di Monti;
  • diminuire al massimo il numero dei rappresentanti del popolo (in parlamento, in regione, nelle province e nei comuni) in modo da diminuire le persone che possono disturbare il manovratore;
  • modificare il più possibile la costituzione in modo da inserire provvedimenti (tipo pareggio di bilancio) che i prossimi parlamenti fatichino ad abrogare.
In altre parole, si lavora duro per eliminare ogni residuo scampolo di democrazia.

Allo stesso tempo  si arraffa quanto più possibile come se non ci fosse un domani.

Dobbiamo lavorare tutti assieme affinché questa seconda ipotesi si avveri.

Sarà dura, ma dobbiamo farlo.

 

 

Leggo sul Sole 24 ore http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-10-11/tagli-sconti-fiscali-sono-233511.shtml?uuid=AbSzZ0rG

I tagli agli sconti fiscali sono retroattivi: previsti già quest’anno i limiti a detrazioni e deduzioni

Il taglio delle agevolazioni ha effetto retroattivo. In «deroga» ad ogni diritto sancito dallo Statuto, i contribuenti saranno chiamati a farci i conti fin da subito, ovvero già a partire dalla dichiarazione dei redditi 2012 (730 e Unico 2013). Ma non è tutto. A rendere più amara la pillola sul giro di vite applicato agli sconti Irpef c’è anche il fatto che la franchigia di 250 euro si applica anche alle detrazioni d’imposta (fanno eccezione i bonus per sordomuti e non vedenti) previste dal Testo unico. E se da una parte è confermato che le spese sanitarie non concorrono alla detrazione d’imposta massima di 3mila euro, è anche vero che con questo intervento la franchigia sotto la quale non è possibile ottenere benefici fiscali sale dagli attuali 129,11 euro (le vecchie 250mila lire) ai 250 euro generalizzati.

Sono queste, due delle principali novità che emergono dall’ultima bozza del Ddl sulla stabilità 2013 (in possesso de Il Sole 24 Ore) che il Governo presenterà alle Camere lunedì prossimo e su cui i tecnici sono ancora al lavoro. Fatta eccezione per lavoratori dipendenti e pensionati, i quali potranno beneficiare già nelle buste paga e nei ratei di pensione della riduzione delle aliquote Irpef di un punto percentuale (da 23 a 22 e da 27 a 26) se hanno redditi, rispettivamente fino a 15mila e fino a 28mila euro, per i lavoratori autonomi dei primi due scaglioni il Fisco con una mano prenderà subito (taglio delle agevolazioni) e con l’altra restituirà soltanto dopo (riduzione Irpef), ovvero quando si dovranno pagare nel 2014 le imposte sui redditi 2013 (acconti esclusi). Il saldo finale per il singolo contribuente dipenderà, dunque, dall’incrocio dei due interventi.

Leggo su IRIB  http://italian.irib.ir/analisi/commenti/item/114626-fratelli-d-italia,-vi-siete-chiesti-perch%C3%A8-tutti-questi-casi-di-corruzione-vengono-scoperti-proprio-adesso

 

Fratelli d’Italia, perchè tutti questi casi di corruzione vengono scoperti proprio adesso?

Se anche voi credete che in politica nulla accade così per caso (in realtà questa legge vale anche per le altre questioni), allora forse qualcuno di voi si sarà chiesto perchè i vari casi di corruzione affiorano proprio in questi giorni.

 

Nel senso che come mai i vari casi sulle regioni, iniziati dalla regione Lazio dell’ormai famoso Fiorito, si stanno moltiplicando proprio ora, proprio in questi giorni, e ad esempio non sono stati portati alla luce 6 mesi prima?

Ascoltando gli stessi tg italiani, sulla Rai o su Mediaset, si apprende che le dimensioni dell’abuso dei soldi pubblici ed il numero di regioni in cui qualcosa andava visibilmente storto non era tale da lasciare dubbi.

Attenzione a non fraintendere, nessuno dice che le palesi scorrettezze scoperte non esistessero; ma il dubbio è, ripetiamo, perchè proprio ora.

Eppure i magistrati scoprono tutto ora, mentre è in pieno il dibattitto sulle prossime elezioni, proprio mentre gli schieramenti politici si stavano formando, proprio mentre tutto era in preparazione per dare all’Italia un governo eletto.

Ma i casi rivelati negli ultimi giorni, che stanno sistematicamente coinvolgendo un pò tutti i partiti politici a destra e sinistra, lasciano pensare una cosa.

Considerando che il professor Monti ha pure sventolato a New York la possibilità di un secondo mandato, non è che si vuole preparare il terreno fertile proprio per il suo bis?

In questo senso chi ha visto i tg di ieri avrà notato che i primissimi sondaggi fatti tra la gente dopo gli ultimi scandali rivelano che oltre l’80% degli italiani non si fida più della politica e dei politici. “Ed allora visto che politici sono tutti ladri perchè non riaffidarsi di nuovo ad un governo di “tecnici”?”, potrebbe essere il pensiero che questa operazione potrebbe tentate di inculcare nella mente delle genti.

Ripetiamo che il fatto che il politico in genere sia ladro o meno è un discorso secondario, ora la persona intelligente dovrebbe cercare di capire perchè la tempistica di questi nuovi scandali di tangenti, corruzione ed uso improprio di soldi pubblici è decisamente particolare.

Alcuni degli italiani che ieri hanno risposto alle domande dei giornalisti sui nuovi casi hanno parlato di “Tangentopoli 2” ed in pratica hanno richiamato un concetto che torna utile pure al nostro discorso.

Con la prima Tangentopoli vennero spazzati via i partiti tradizionali e la vecchia classe politica; non che quei politici in particolare non se lo fossero meritati, per carità, ma sicuramente, come poi lasciano pensare “i dubbi incontri” che di Pietro stesso ammette di aver avuto con l’allora ambasciatore Usa in Italia, quel sistematico avvicendamento della “vecchia politica” con quella nuova, che come vediamo oggi non è più onesta, cambiò molto l’Italia soprattutto in certe questioni inerenti alla sua indipendenza relativa in Economia e Politica Estera.

Oggi, a mio avviso, siamo davanti ad un “ricorso” storico con le stesse caratteristiche. Qualcuno dietro le quinte usa la sempre esistente corruzione del sistema politico italiano per favorire la salita al potere del suo uomo, in questo caso Monti.

E sappiamo di chi è o dovrebbe essere uomo Monti, e gli italiani conoscono già troppo bene pure le sue politiche economiche ed altresì quelle della Politica Estera.

Abbiamo capito di chi si tratta. Se proprio non avete nessuna idea, un suggerimento: potrebbe trattarsi di un alleato, o di un paese dove Terzi, un tempo, ha fatto l’ambasciatore!

La vostra opinione mi interessa ed i vostri commenti mi danno al forza di scrivere: Lasciate un segno del vostro passaggio!